Regione autonoma della Sardegna

CELEBRAZIONE DEI FUNERALI: OSSERVANZA DELLE MISURE E PRESCRIZIONI

Pubblicata il 23/05/2020

L’emergenza epidemiologica del Coronavirus che ormai, da oltre due mesi, ha colpito tantissimi Paesi, fra cui, duramente, anche l’Italia, ha comportato, per cercare di contrastare il diffondersi del contagio, l’obbligo di osservanza di numerose prescrizioni per le persone, le attività produttive, gli enti, ecc., quali divieto di spostamento, sospensione dell’esercizio di attività di aziende e imprese, chiusura al pubblico di uffici, ecc.
Fra le diverse misure adottate, a partire dal 9 marzo 2020, è stata disposta anche la sospensione delle celebrazioni liturgiche nelle Chiese e la celebrazione dei funerali esclusivamente con la benedizione della salma e alla presenza dei familiari più stretti.
Dopo oltre due mesi, anche a seguito dell’attenuazione del numero dei contagi, il DPCM del 26 Aprile, a partire dal 4 Maggio, ha autorizzato la ripresa delle cerimonie funebri “con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.
A seguito del protocollo d’intesa fra la Conferenza Episcopale Italiana e il Governo del 7 Maggio 2020, a partire dal 18 Maggio sono riprese nelle Chiese Italiane le celebrazioni liturgiche comunitarie, con la partecipazione dei fedeli, nel rispetto ed osservanza delle misure di sicurezza stabilite dal medesimo Protocollo e disciplinate e coordinate dal Parroco.
Il DPCM del 17 Maggio 2020 ha confermato la ripresa, dal 18 maggio, di tutte le funzioni religiose, nel rispetto dei protocolli di sicurezza e sempre nell’osservanza delle regole del distanziamento sociale.
Nel nostro ambito locale, per la Diocesi di Nuoro e Lanusei, il Vescovo Monsignor Antonello Mura, ha emesso, il 13 Maggio, Disposizioni per la celebrazione delle messe con il popolo a partire da lunedì 18 Maggio 2020, demandando ai Parroci l’individuazione delle prescrizioni operative da adottare a livello di singole comunità parrocchiali.
Specifiche Disposizioni per il corretto e regolare svolgimento delle celebrazioni religiose sono state adottate, in data 16 Maggio, per la Parrocchia Nostra Signora di Monserrato in Bari Sardo, in qualità di legale rappresentante della stessa, dal nostro Parroco Don Giampaolo Matta.
Il rispetto rigoroso delle suddette specifiche disposizioni riferite, in particolare, al rispetto del distanziamento, all’uso di idonei dispositivi di protezione individuale e alla determinazione del numero massimo di persone che possono accedere alle celebrazioni religiose esigono un’attenzione ancora maggiore in occasione della celebrazione delle esequie, quando si hanno occasioni di maggior numero di contatti fra le persone che vi partecipano.
Ciò premesso si richiama, pertanto, la popolazione ad una rigorosa osservanza delle disposizioni impartite dalle Autorità Religiose in materia di celebrazione dei funerali, precisando che, per le operazioni di sepoltura, continuano ad avere vigore e devono essere applicate ed osservate scrupolosamente le prescrizioni stabilite con ordinanza del Sindaco nr. 20 del 4 Maggio 2020 con la quale è stato disposto che l’accesso al cimitero per le operazioni di sepoltura è consentito al solo personale tecnico del Comune, alle Ditte incaricate del pubblico servizio, al Ministro del culto per la benedizione della salma e ad un massimo di 15 persone, fra i congiunti, che accompagnano la salma, fermo restando il rispetto, da parte di tutti, delle prescrizioni in materia di distanziamento sociale (minimo un metro) e utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (mascherine o ogni altro dispositivo per la copertura di naso e bocca correttamente indossati).
Devono, altresì, essere evitati e considerarsi vietati  gli assembramenti nella piazza antistante la Chiesa Parrocchiale, i cortei di accompagnamento del feretro, le condoglianze, e, una volta terminato il funerale in cimitero, dopo la benedizione della salma, i partecipanti dovranno allontanarsi.
Si vuole precisare che, pur comprendendo la volontà delle persone di esprimere, con la partecipazione ai funerali, il proprio sentimento di affetto e rispetto nei confronti dei defunti e di vicinanza nei confronti dei familiari, tali regole devono obbligatoriamente essere rispettate, perché, ancora di più adesso si rende necessario adottare ogni forma di misura e precauzione atta a prevenire e contrastare il diffondersi del contagio dell’epidemia del Coronavirus.
Sono certo che la nostra Comunità consapevolmente e responsabilmente saprà comprendere l’assoluta esigenza della “prudenza e obbedienza alle disposizioni”, affinchè la pandemia non abbia a crescere di nuovo.
Il Sindaco Ivan Mameli

Categorie Covid-19

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto